itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Spesso di scrivo di discriminazioni razziali a sfondo sessuale, riferite al mondo gay. Nonostante tutto cerchino in tutti i modi di inculcarci nella testa che presto in tutto il mondo saranno visibili coppie omosessuali esplicitamente.

Non la pensa così la gran parte della società Ma mentre pensavo che l’Italia fosse uno dei paesi con più discriminazione razziale da questo punto di vista, mi vedo costretto a correggere il turo e a dire che anche altrove il mondo gay non è affatto apprezzato. Ed è testimonianza il fatto accaduto in Belgio e riportato da una vittima italiana. Un fumettista italiano residente appunto in Belgio sarebbe stato pesantemente aggredito insieme al marito, dai vicini di casi una coppia che abita nell’appartamento sopra quello della coppia gay. In più di un’occasione si erano scontrati. Non è chiaro il motivo ma forse i vicini sono stati infastiditi da alcuni rumori della coppia gay, magari proprio durante le ore notturne in effusioni amorose. Rimane il fatto che hanno subito un’aggressione pesante e che il fumettista ha postato sui social una foto di lui ed il marito con vistose ferite anche alla testa, dove le sprangate della coppia vicina si è concentrata. Teme per la sua vita adesso Padovani, questo il nome della vittima, e per quella del marito. Afferma che nonostante il Belgio sia un Paese tranquillo, adesso teme per lui e che non si sente sicuro. Che anche in Italia vede molta intolleranza verso il ondo gay e che avrebbe anche pensato di tornare qui. Beh che venga pure. Se si lamenta del Belgio, qui troverà pane per i suoi denti. E’ l’ennesima dimostrazione che il mondo gay è e continua ad essere mal visto dalla società e che le regole che vogliono imporre ad un mondo normale non rientrano e non saranno accettate nel mondo etero. Sconvolgere i piani della natura porta certe conseguenze ed è appurato che quando la natura viene stravolta in modo estremo, spesso si ribella con conseguenze aberranti. I segnali ci sono tutti!!!

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!