itenfrdeptrues

logo

Strage di Viareggio: intervista ai sopravvissuti del disastro e un processo senza colpevoli!

le verita

by Andrea Milioni

E’ considerato il più’ grande disastro ferroviario di cui si abbia notizia in Italia. Meglio noto come la STRAGE DI VIAREGGIO. Era il 29 giugno del 2009, alle 23:48 un treno merci con 14 cisterne cariche di GPL entra nella stazione della cittadina toscana. Pochi istanti dopo deraglia, una cisterna si squarcia facendo uscire il gas. E’ la catastrofe. Una esplosione devasta le case nelle vicinanza. 31 persone innocenti perdono la vita morte bruciate vive mentre dormivano tranquillamente e schiacciate dalle macerie delle stesse sventrate dall’esplosione. Tra le vittime anche tre bambini. Due di questi erano figli di Marco Piagentini che nella tragedia perde la moglie e appunto due figli di 2 e 4 anni. Marco si salva miracolosamente insieme all’altro figlio più grande che all’epoca aveva 8 anni. Ma Marco riporta ustioni gravissime sul 98% del suo corpo. Così come il figlio rimane gravemente ferito. Ustioni che tutt’oggi sono visibili. Tre anni di ospedale, oltre 60 interventi. Nell’intervista qui di seguito potrete ascoltare dalla viva voce di Marco, la testimonianza di quei tragici momenti di quella sera. Leggi tutto

 

 

 

                                                                                       

Banner fisso radio

banner verita indegne

le verita

by Andrea Milioni

Una ennesima prova che certe associazioni vengono sponsorizzate solo per ritorno economico è la partnership che la radio romana Radio Globo ha con il Gay Pride che da molti anni prende vita nella capitale per manifestare i diritti dei gay.

Ma proprio uno dei conduttori della radio che sponsorizza la manifestazione, ha dichiarato in diretta che gli fa letteralmente schifo vedere due uomini per strada che si baciano. Una dichiarazione che ovviamente ha creato polemica tra le associazioni gay e che fa trasparire la chiara idea che nessuno è perfetto. E’ palese da questo che sponsorizzare una manifestazione come quella, poteva portare solo ritorno a livello di visibilità e sponsor che per una radio sono fondamentali. Nessuna smentita ne conferma da parte della Radio stessa che ha indignato ancora di più il portavoce del Pride Roma che nelle sue dichiarazioni affermava di essere onorato della collaborazione con la rado e che una emittente generalista e non schierata si impegnasse a divulgare i diritti dei gay. Bene. Adesso è invece chiaro che non è proprio così, Che la collaborazione aveva ben altri scopi che quello di divulgare i diritti gay. Diversamente non si spiega la dichiarazione del conduttore. E poi, sponsorizzare una manifestazione come il gay pride, che dovrebbe, e dico dovrebbe, manifestare davvero i diritti delle persone gay, ma serve solo per cercare sesso depravato tra depravati, a schifare la gente per strada nel vedere tette e culi finti di uomini gay e lesbiche che si strusciano tra loro, secondo il mio parere personale porterebbe solo indignazione e non l’ascolterei nemmeno più. Perché la realtà è proprio questa raccontata. Manifestare i propri diritti non lo si fa mettendo tette e culi in bella mostra, non si chiede il rispetto mancando di rispetto, non si proclamano frasi su unioni, adozioni girando poi per una città come Roma, nudi e dando il peggio di se, dove ogni bambino incontrato per strada con la propria famiglia etero, deve avere una spiegazione sul perché certe persone si atteggiano a quel modo. E cosa dovrebbe spiegare un genitore ad un figlio che guarda quella depravazione? Che quella gente è li per chiedere che anche loro possano adottare bambini? Senza pensare che un bambino che dall’età di 4 o 5 anni inizia a capire, mai e poi mai vorrebbe vedersi al fianco di quella gente? L’omosessualità è e rimarrà sempre una parte perversa della società, che non è e non sarà accettata in nessun caso, nemmeno tra quei paesi che hanno dichiarato le unioni civili e che all’apparenza vogliono sembrare più aperti di quelli che sembrano ancora bigotti e chiusi in merito all’argomento, ma che invece sono più sinceri e reali. Una parte della società ancora discriminata e fin quando non si presenterà nella maniera consona al resto del mondo normale, sarà sempre da discriminare!!! E il vostro pensiero qual è? Come siete schierati verso questo argomento? Rispettate le idee dei gay o anche voi siete contrari pensando che siano esagerate le richieste che fanno e sbagliati i modi in cui manifestano?

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!

spazio disponibile

spazio disponibile

spazio disponibile

spazio disponibile

spazio disponibile