itenfrdeptrues

logo

tribunale torino

Le additava cosi questo padre. Come grasse e ciccione, o magari obese. Le obbligava a praticare sci agonistico e a mangiare cibi macrobiotici perchè ritornassero ad un peso forma accettabile.

 

La storia andava avanti ormai da quattro anni, da quando fu la madre delle ragazze a presentare un esposto perché le figlie non volevano più vedere il padre, dal momento che i coniugi erano comunque separati. Che per tutta difesa affermava che era la sua normale preoccupazione quella che lo portava ad agire cosi.

Come un pazzo aggiungerei. Ditemi, quale padre amorevole, possa obbligare le proprie figlie ad un trattamento psicologico cosi violento per poter far perdere peso. Va altre ogni concezione della mente.

Perché non pensarci prima magari, quando le tue figlie le vedevi mangiare un po' troppo e ti in grassavano sotto il naso. Quando magari era il caso di scavare più a fondo sul perché si sfogavano mangiando così tanto.

Purtroppo certi errori alcuni genitori non li vedono, ne mai li vedranno. Si combattono spesso lotte fratricide tra ex coniugi, sulla pelle dei figli, che purtroppo ne fanno le spese. psicologicamente, fisicamente, moralmente. Ed uscirne non è facile.

A meno che non ci pensi un tribunale. Ed è proprio quello che è successo. E' stato infatti un tribunale a condannare a nove mesi il padre delle ragazze maltrattate. Ritengo però, che dopo aver scontato la pena, quest'uomo pensi a far guarire anche la sua testa, il problema più grande adesso, per lui, ma soprattutto per le sue figlie.