itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne, c’è una cosa che mi indigna profondamente. In un evento avuto luogo a Milano che prende il nome di Ri-Belle,

che consiste in una mostra di lavori realizzati da donne per raccontare le loro storie di abusi in collaborazione con una onlus lombarda che da anni ospita donne vittime di violenza, testimonial d’eccezione è stata Gessica Notaro. Per chi non avesse chiaro in mente il personaggio, si tratta della bella Miss romagnola sfregiata dall’ex capoverdiano con l’acido e per il cui gesto la Notaro perse anche la vista da un occhio. “ Ci metto la faccia se serve per aiutare le donne” dice la Notaro nello spot realizzato. Ma forse non tutti sanno che la Notaro già ai tempi in cui era miss, era seguita, come ognuna d’altronde, da un manager che curava i suoi affari, le sue uscite in pubblico, i suoi eventi a cui partecipare, che ovviamente venivano lautamente retribuiti. Ebbene, dopo la tragedia che colpì Gessica, con i tempi dovuti per la ripresa della donna dalle ferite subite, io stesso chiesi una intervista per raccontare la sua vicenda. Per dare modo di dare forza e coraggio a chi subisce violenza tutti i giorni e non trova la capacità di reagire, per non lasciare abbattere chi non trova la forza per reagire a certi torti subiti che cambiano radicalmente la vita. Anche quella di Gessica è cambiata purtroppo di vita. Nella mia richiesta, inizialmente mi fu risposto che al momento non era disponibile perché ancora troppo dolorante ed aveva ricordi troppo freschi, se non fosse per il fatto che solo pochi giorni dopo la Notaro era ospite nella trasmissione di Costanzo, e da li una serie di comparsate televisive a raccontare la sua vicenda, la tragedia, i moventi dell’attacco, post su Facebook dove il volto non era mai completamente visibile. Solo dopo compresi il motivo del rifiuto.. solo dopo compresi il perché di quei post su Facebook col volto ripreso a metà.. Che all’inizio avevo percepito come una sorta di vergogna di mostrare quel volto deformato dell’acido e che non era più lo stesso di pochi giorni prima. Se non che la prima apparizione clamorosa in tv da Costanzo con tanto di spot televisivo che annunciava che Gessica Notaro mostrava per la prima volta in Tv il suo volto dopo la tragedia. Qualcuno mi fece notare che in realtà la fama della ragazza era aumentata a dismisura dopo questo tragico evento e che il manager di cui sopra gestiva sempre le comparsate della sua pupilla. Che erano come sempre tutte lautamente retribuite. Mi fu chiaro quindi da quel momento perché lei non rispose più ai miei messaggi. Non era lei che decideva chi doveva intervistarla ma c’era chi decideva per lei. Ed essendo chiaro il mio intento di non pagare dal momento che numerosi personaggi ho intervistato vittime di questi abusi, ma che hanno sempre raccontato le loro storie a titolo gratuito solo per dare esempio e coraggio e per dare risalto al fatto che queste cose succedono sempre più spesso e che nessuno fa nulla per fermare questa ecatombe, ovviamente non ho mai avuto la possibilità di poter intervistare la Notaro. Quel ci metto la faccia su questo evento svolto a Milano, senza polemiche altrove, mi fa pensare che la Notaro la faccia non l’abbia messa li a titolo gratuito ma che sia stata ricompensata lautamente da chi ha voluto il suo volto come testimonial dell’evento. Insomma, per dire che si deve continuare la vita e bisogna pur campare, ma a volte un minimo di umiltà e di aiuto concreto a chi ne ha bisogno si può darlo anche senza essere ricompensati..

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!