itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Un altro tentato femminicidio sventato per miracolo, E stavolta il merito è solo di una ragazzina di soli 15 anni, figlia della donna che stava per essere massacrata dal marito,

un pregiudicato di 44 anni che durante una lite ha iniziat0 ad inveire a parole contro la donna ed iniziando a tirarle dietro piatti e stoviglie, senza fortunatamente colpirla. L’aggressione è avvenuta davanti ai due figli della coppia, entrambi minorenni, un maschio di 16 ed una femmina di 15anni. Ed è stata proprio la ragazzina che col suo smartphone ha registrato l’aggressione e l’audio per poi inviarlo ad una sorella maggiorenne che però non viveva con la famiglia, dicendo di chiedere aiuto. Poco dopo l’arrivo dei carabinieri che non possono far altro che arrestare l’uomo colto in flagrante in atti di maltrattamenti in famiglia. I militari hanno anche potuto ascoltare l’audio della colluttazione. In tutto ciò, quello che indigna è che l’uomo, nonostante sia un pregiudicato, nonostante abbia computo un atto per cui ogni giorno si discute, è stato posto agli arresti domiciliari. Non a casa della moglie ma nella sua casa d’origine con i suoi genitori. Come se il suo curriculum e il reato commesso non fossero sufficienti a tenerlo in galera. Ovviamente nessuno potrà tenere d’occhio a vista questo delinquente, che in ogni momento può lasciare i domiciliari e continuare ciò che aveva iniziato, magari con un finale diverso, peggiore, solo perché stato denunciato. E chissà se stessa sorte potrebbe toccare anche ai figli vista che la denuncia è partita da loro. Di cosa parleremo dopo? DI un omicidio annunciato? Del fatto che un uomo violento colto in flagrante sia stato messo ai domiciliari libero di reiterare piuttosto che in galera? Solo pochi giorni fa in tutta Italia si è celebrata la giornata contro la violenza sulle donne. Ogni tipo di social ha pubblicato link in riferimento a questa giornata ma ecco che concretamente cosa si fa per le donne? Tutti a parlare, tutti a manifestare, ma al primo atto di violenza contro una donna, torna a far acqua da tutte le parti la solita, ipocrita, inetta, insignificante, indegna giustizia che anziché condannare criminali e proteggere le vittime, lavora al contrario e rimette in libertà criminali incalliti condannando a morte povere vittime che hanno solo avuto la colpa di incontrare certi animali e di denunciare. Per essere poi abbandonate da chi realmente doveva proteggerle!!!

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!