itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Il miracolo di una vita salvata. Dal tentativo di suicidio. La vita di una giovane adolescente che voleva spezzare la sua vita a causa di uno dei mali che la stanno facendo da padroni tra i giovani e che colpisce i deboli,

gli indifesi, spesso disabili, incapaci di difendersi.. il bullismo. E’ di poche ore che in Sardegna nel Sassarese, una ragazza avrebbe tentato il suicidio, fermata appena in tempo, nei bagni dell’istituto superiore dove studiava, proprio per colpa di atti di bullismo ricevuti da amici e compagni. Emergono però ipotesi secondo cui la ragazza avrebbe potuto avere problemi personali che l’avrebbero spinta al tragico gesto, fatto sta che una ragazza così giovane non dovrebbe avere tanti problemi al punto di arrivare al suicidio. Il bullismo dunque.. Un arma bianca che ferisce e uccide più di mille proiettili, più di mille coltellate. Perché spesso, molto spesso, la psiche umana è più debole e fragile di u corpo che subisce violenza fisica. Così debole da portare i soggetti a pensare di togliersi la vita per le umiliazioni ricevute in pubblico, per il pensiero di non piacere agli altri, per la convinzione di avere una vita incompleta e diversa da quelli che si credono belli, forti, superiori, I bulli. Il bullismo andrebbe considerato come forma di reato abominevole e condannato come tale. Così come i colpevoli che lo praticano per depredare la dignità di povere vittime che hanno solo la colpa di essere buoni di cuore o qualche malformazione fisica o psichica che li rende facili prede di vigliacchi che riescono a sfogare la loro frustrazione solo su persone incapaci di difendere se stessi.

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!