itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Sono bastate poche ore per mandare a monte e rendere inutile il lavoro di oltre un mese di coperture, appostamenti, impiego di uomini, agenti in borghese che si sono finti clienti di pusher e spacciatori rischiando la vita,

la collaborazione tra la questura di Venezia ed il commissariato di Jesolo per arrivare a spezzare un giro di droga che pullulava proprio sul lido veneziano di Jesolo. Sono bastate poche ore per dare la conferma che esiste una mala giustizia che tutela la criminalità e i suoi corrotti e si schiera dalla parte di chi si pone contro la legge e le sue regole da seguire. Poche ore per capire che nemmeno chi lavora per uno Stato che difende a costo della vita, per cui ha giurato fedeltà, viene considerato e rispettato. Perché il crimine e la mala hanno ed avranno sempre la meglio perché lo Stato e la mala sono ormai tutt’uno e ciò che sta al potere e comanda da sempre non si può smontare senza tirare fuori le palle ed organizzare una vera rivolta popolare atta a smantellare un Governo ladro e volto a sottomettere il proprio popolo. Si diceva dunque del lavoro di un elevato numero di uomini che anche grazie alle tecnologie, come l’utilizzo del drone, ha permesso di smantellare un giro di droga a Jesolo, messo su da una banda di nigeriani che spacciava su tutto il litorale. Alcuni agenti in borghese si sono finti clienti abituati proprio per registrare immagini che testimoniassero l’attività criminale della banda e per poter presentare ad un giudice le necessarie prove che potessero sbattere questi schifosi venditori di morte in galera per un bel po’ di tempo e per rispedirli nella loro merda, nella loro terra d’origine. E col lavoro di oltre un mese erano state raccolte molte prove che però, secondo il giudice Michela Rizzi, non sono stati sufficienti a tenere in galera questi pusher ed ha disposto la loro liberazione. Si arriva alla conclusione che si può facilmente intraprendere un’attività criminale in tutta tranquillità sapendo di essere spalleggiati da una giustizia complice e da un popolo che nonostante si indigna per queste notizie, non si ribella a scendere in strada a difendere i diritti dei nostri figli che quelle strade le percorrono, le passeggiano, le vivono tra amicizie e divertimenti, spezzati dalle attività losche di questi bastardi che anziché rispettare le vite altrui, vendono la morte per poter portare alla fine il prima possibile la salute di ognuno. Ci sarebbe da combattere una battaglia personale al di fuori di quelle legali. Sarebbe opportuno scendere in strada per vendicare un figlio, un parente, un fratello, un amico morto a causa di questi venditori di morte. Sarebbe opportuno scendere in strada e dare una lezione a questi disgraziati per far capire che l’italiano non è stupido ne coniglio, ma che davanti alla provocazione e al rischio di perdere i propri cari, si può reagire senza temere le conseguenze di una giustizia fasulla. Perché da criminali si hanno più probabilità di farla franca!!! Quindi alla fine..essere razzisti in tal senso si può?

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!