itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Roma. Da piazza Vittorio all'Esquilino risalta la denuncia dei residenti del quartiere. L'ultimo in ordine cronologico è Giuseppe Longo, lo storico farmacista della piazza che denuncia appunto lo stato di degrado della zona.

La paura delle aggressioni, le minacce, le vessazioni subite quotidianamente dalla gentaglia che popola il quartiere. Si preoccupa del personale Longo, esclusivamente femminile, e si preoccupa per quando lui non è presente. Lo sfratto dei senza tetto di Castro Pretorio che si sono trasferiti nella zona ha aumentato il disagio ed il degrado. Non è raro uscire in strada e trovare cassonetti bruciati, escrementi, il gazebo per i tamponi occupato dai senza tetto e ridotto ad una latrina, con le conseguenti condizioni igienico sanitarie che vengono a mancare. Ovviamente tutto questo ha scatenato l'indignazione dei residenti che si è mosso e tramite una avvocatessa si è deciso di intervenire. La stessa legale ha già elencato singolarmente i diversi episodi accaduti, dalla violenza carnale ai tanti episodi pericolosi per i cittadini del quartiere. Longo da parte sua evidenzia gli sbagli e le soluzioni per ovviare al problema, partendo dal fatto che sia stato sbagliato mischiare senza tetto e criminali e tossici insieme per le strade, ma che avrebbe avuto più senso classificare le difficoltà delle categorie e decidere di intervenire in base a questo su come intervenire e poterle reinserire.

banner investigativa roma

Altresì, aggiungo personalmente, che non sarebbe difficile classificare i criminali in base ai problemi evidenziati ed isolarli in posti più adatti a criminali liberando le strade da quelli che aggrediscono la gente innocente, restituendo serenità sicurezza ai residenti di questo quartiere, così come in altri ovviamente. Sarebbe opportuno fare maggiori controlli su come vengono usate le risorse messe a disposizione per questa gente. Non è raro vedere coperte fornite per riparare dal freddo buttate il giorno dopo. Così come i pasti dati ai senza tetto che puntualmente lasciano e che vanno a sporcare e ad attirare piccioni e ratti. Insomma urge un maggiore controllo dalle istituzioni da cui Longo ovviamente si aspetta una rapida risposta al problema. E nel frattempo lo sconforto e la paura dei residenti non accenna a placarsi, tanto che una signora della zona nell'ultimo periodo ha evitato di portare a spasso il cane per paura di non rientrare sana a casa. Il che la dice lunga!!!

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!