itenfrdeptrues

logo

Bambino morto a causa di un otite. Curato con omeopatia

A decidere la cura alternativa erano stati i genitori. Il piccolo si era ammalato una quindicina di giorni fa. Le sue condizioni sono però peggiorate. Febbri alte, il ricovero in ospedale, il tentativo, vano, di arginare l’infezione che ha aggredito il tessuto cerebrale

È clinicamente morto il piccolo Francesco, il bambino di 7 anni ricoverato dal 24 maggio nella rianimazione di Ancona per un’otite curata con l’omeopatia e non con gli antibiotici, che ne aveva compromesso le funzioni vitali. I medici erano intervenuti anche con una delicata operazione chirurgica, nella notte tra mercoledì e giovedì, per rimuovere l’infezione che ha aggredito il tessuto cerebrale. Dalla direzione della struttura sanitaria, il «Salesi» è stata trasmessa una segnalazione sul caso alla procura di Ancona e alla procura dei minori.

Classici sintomi

Sono stati i genitori (una coppia di commercianti che vivono a Cagli, borgo di 9 mila abitanti non lontano da Pesaro) a raccontare ai medici dell’ospedale di Urbino, dove era stato inizialmente ricoverato il piccolo, che per curare la malattia insorta un paio di settimane fa erano stati usati farmaci omeopatici. L’otite si era preannunciata con i classici sintomi inizialmente non preoccupanti: mal d’orecchie, febbricciole, naso chiuso. La scelta di rivolgersi a un medico omeopata pesarese, Massimiliano Mecozzi, non è stata casuale. Il papà, che commercia in abbigliamento, e la mamma, titolare di un negozio di alimentari, hanno spiegato che il bimbo in passato aveva sofferto di altre otiti. Le cure erano state le medesime: omeopatiche, senza la somministrazione di antibiotici «mai più usati da quando aveva tre anni». E soprattutto senza che insorgessero complicazioni. Stavolta è andata diversamente nonostante le rassicurazioni del dottore che avrebbe visitato Francesco almeno due volte: «Vostro figlio guarirà in fretta». Però in quindici giorni l’infiammazione si è estesa silenziosamente. Senza che l’omeopata se ne accorgesse. La temperatura è salita, il bimbo si è indebolito sempre di più. E infine la dichiarazione di morte clinica sopraggiunta sabato mattina.

«Era già grave»

«Quando lo hanno portato in ospedale il quadro clinico era già complicatissimo» ha raccontato venerdì a bassa voce un medico del reparto di Rianimazione del «Salesi», la struttura specialistica ad Ancona dove il piccolo è giunto in ambulanza con un trasporto d’urgenza dall’ospedale d’Urbino. Qui è stato l’esame della Tac a rivelare la gravità della situazione con l’equilibrio neurologico compromesso dall’infiammazione dilagata che aveva portato il bimbo in uno stato di semicoscienza e con una febbre altissima. A questo punto è stato deciso l’intervento d’urgenza in sala operatoria dove si è tentato di rimuovere l’infezione, operando anche una terapia d’urto antibiotica. I genitori del bimbo, che hanno altri figli, non si sono mai allontanati dalla Rianimazione: sempre lì, sempre davanti alla grossa vetrata che delimita il settore della terapia intensiva. E sempre abbracciati per darsi forza l’uno con l’altra. In attesa di una speranza che non è purtroppo arrivata.

«Andate via, vi sembra il momento?»

«Andate via, vi sembra il momento? State solo approfittando del nostro dolore...». La madre ha allontanato i giornalisti che hanno tentato di avvicinarla nella Rianimazione dell’Ospedale Salesi di Ancona, dove si trovano anche il padre, uno zio e i nonni del bambino. «Abbiamo avviato le procedure per l’accertamento della morte cerebrale» del piccolo ha spiegato il primario Fabio Santelli.

 Banner AM Service

«Denunceremo l’omeopata»

«Cosa dobbiamo commentare? È stata dichiarata la morte cerebrale del bambino, non c’è altro da dire». Denuncerete l’omeopata? «Sì, senz’altro». Lo ha detto uno dei due nonni del bimbetto in un breve scambio con i giornalisti in attesa fuori dall’ospedale. Molto provati e tesi, arrabbiati con la stampa, i genitori, lo zio e i nonni del bimbo si sono poi allontanati in fretta. «Non parliamo con nessuno, d’ora in poi parleremo solo attraverso i nostri avvocati» ha aggiunto il nonno.