itenfrdeptrues

logo

le verita

by Andrea Milioni

Sono passati quasi 20 anni, ma ad oggi la sentenza del tribunale riconosce un risarcimento di mezzo milione di euro ad una coppia di genitori di un ragazzo down.

La motivazione, è che avrebbero per quasi venti anni, condotto una vita peggiore da quella che avrebbero potuto condurre se fosse stato riconosciuto, o meglio non commesso, l’errore medico che ha portato a questa gravidanza alla fine degli anni 2000. Era una giovane mamma di appena 20 anni la donna che oggi riceve il risarcimento. Il medico allora, non aveva sottoposto la donna agli accertamenti del caso per verificare se la gravidanza potesse rilevare qualche malformazione del feto o altre problematiche, che avrebbero dato la possibilità alla coppia di genitori di scegliere se portare a termine la gravidanza oppure rinunciare e proseguire una vita più decente e serena. Invece, quel grave errore di mala sanità, che non ha evidenziato la sindrome di Down nel nascituro, ha fatto si che la coppia conducesse una vita con aspettative inferiori a quelle dovute e per questo il giudice ha riconosciuto e condannato la struttura medica ed il medico a pagare per il danno creato. La vicenda è accaduta in provincia di Pordenone ed indigna la facilità con cui un medico ed una struttura medica abbiano sorvolato su un caso così importante come la nascita di una vita umana. Sono casi, quelli di mala sanità, che dovrebbero essere puniti a maggior ragione perché è in gioco la vita umana, e se accade il peggio dopo un tentativo disperato ci può stare purché si sia fatto il possibile, ma lasciare impuniti medici che si gingillano dietro le loro mancanze e che se la vanno a ridere al bar come se nulla fosse è indegno ed insopportabile. Non sono sufficienti i 500mila euro per questa coppia. Credo che i responsabili della struttura ed il medico stesso avrebbero anche loro dovuto pagare penalmente con il carcere ed essere radiati dalla professione, perché se si sbaglia con tanta superficialità una volta, è facile cadere di nuovo nella presunzione dello stesso errore!!!

Se sei indignato/a dopo aver letto l’articolo, lascia il tuo commento ed esprimi la tua indignazione!!!